Pagine

mercoledì 29 settembre 2010

Tagliatelle all’uovo

Ecco qui che fine ha fatto il mio ragù!! Non l’avreste mai detto che sarebbe finito in un piatto di pasta vero?? Ma non è una pasta qualunque… è quella che ho fatto io con le mie manine, che meravigliosa sensazione! Questa è la mia prima volta, e posso dire di essere ampiamente soddisfatta del risultato.. l’imput me lo ha dato il mio fidanzato, che ha pensato di regalarmi la macchinetta per la pasta in occasione del mio compleanno.. Il messaggio era chiaro vero?? Mi ha ricordato un po’ Homer Simpson, che fa alla moglie dei regali… interessati! Classicissima la puntata in cui regala alla moglie una palla da bowling.. Essendo la mia prima volta pensavo di trovarmi in difficoltà, ma non è stato così a parte un po’ di caos sul piano di lavoro e vari sbuffi di farina.. devo solo organizzarmi meglio la prossima volta. Per la ricetta mi sono affidata al mio istinto, come al solito.. conosco la regola 1 uovo x 100g di farina e poi nelle istruzioni della macchinetta c’era qualche indicazione.. ho fatto un giro veloce su internet ma non ci ho trovato molti articoli, quindi non so se il procedimento sia quello giusto o meno, in ogni caso il risultato è stato ottimo.. l’unico accorgimento per la prossima volta è che tirerò la pasta un pochino più sottile.
Tagliatelle ragù 009
INGREDIENTI x 4 persone:
300g di farina 00
3 uova
PREPARAZIONE:
Setacciare la farina in una capiente ciotola e formare la fontana, poi sgusciare al centro di essa le uova, meglio se a temperatura ambiente. Con una forchetta sbattere leggermente le uova incorporando la farina a poco a poco e, appena possibile trasferirsi a lavorare sulla spianatoia, dove la pasta andrà lavorata circa 15 minuti. Se ci si rende conto che  è troppo dura si può aggiungere dell’acqua, mi raccomando poca alla volta, io mi sono bagnata le mani e ho proseguito ad impastare, facendola assorbire. Infine avvolgere la pasta nella pellicola e lasciarla riposare mezz’oretta al fresco.
Preparare intanto la macchinetta per tirare la sfoglia, dividere la pasta in pezzi non troppo grandi e procedere prima alla stesura e poi al taglio se è provvista dell’accessorio, altrimenti tirare piccole parti di  sfoglia con il mattarello, arrotolarle su se stesse infarinando l’interno e tagliare le tagliatelle a coltello. Dopodichè infarinarle bene e lasciarle seccare su una tovaglia o l’apposito “stendino” per almeno un’ora prima di cuocerle, altrimenti si possono arrotolare ben infarinate, imbustare e congelare, per cuocerle in un secondo momento basterà tuffarle nell’acqua bollente.
Cuocere le tagliatelle in acqua bollente salata a cui sarà stato aggiunto un cucchiaio d’olio, questo eviterà che la pasta si attacchi, infine condire come si preferisce, io ho usato il mio Ragù.   BUON APPETITO!!!

giovedì 23 settembre 2010

Pizza al latte

Si è capito che adoro la pizza? E che mi piace sperimentare sempre nuovi impasti? Potrei mangiare la pizza tutti i giorni senza mai stancarmi.. come minimo la preparo una volta la settimana, a volte anche più spesso, infatti capita sempre meno di andare a mangiarla fuori o prenderla d’asporto, cosa che fino a pochi mesi fa era un’abitudine.. Ho scoperto che quella che faccio io… è più buona! E poi per me impastare è un vero piacere, mi rilassa e mi riempie di soddisfazione. La versione che vi presento oggi me l’ha suggerita il papà di un amico, ex pasticcere e grande amante della pizza. Lui sostiene che il latte sia molto meglio dell’acqua, e come dargli torto? E’ venuta veramente buona!! L’impasto si è presentato anche incredibilmente elastico, non so se sia davvero merito del latte o del metodo “alternativo” di lievitazione.. questa volta, anzichè mettere a lievitare nel forno spento come al solito, ho approfittato del calore del sole… Ho infatti coperto la ciotola con l’impasto con pellicola da cucina, poi ho avvolto il tutto in una coperta di pile e l’ho messo in terrazza al sole.. un’esplosione! E’ lievitato tantissimo! Ma ora veniamo al procedimento….
Pizza al latte
INGREDIENTI:
300g di farina 0
250g di farina manitoba
230ml circa di latte
1/2 cubetto di lievito di birra
1/2 bicchiere scarso di acqua
2 cucchiaini di sale
 PROCEDIMENTO:
Preparare un bicchiere con l’acqua e scioglierci il lievito, lasciare poi riposare una decina di minuti, fino a che si formi la schiumina. Mescolare intanto le farine in una ciotola e creare la fontana, inserire al centro il lievito sciolto e con una forchetta iniziare ad incorporare farina. Aggiungere poi a poco a poco il latte, tenerne un goccio da parte in cui andremo a sciogliere il sale che andrà aggiunto quando saremo quasi riuscite a formare “la palla”. Trasferire il tutto sulla spianatoia e lavorare almeno 10-15 minuti, come al solito la consistenza dapprima granulosa dell’impasto dovrà diventare bella liscia e morbida. Non preoccupatevi se all’inizio risultasse un po’ appiccicoso, e resistete all’impulso di aggiungere farina.. continuate ad impastare e vedrete che andrà tutto a posto. Mettere l’impasto ormai pronto (cui avremo inciso la croce) in una ciotola unta d’olio e coprire con la pellicola, successivamente avvolgere tutto con una copertina e mettere a lievitare fino al raddoppio (io ho lasciato 3h e mezza). A questo punto porzionare l’impasto e stenderlo nelle teglie unte d’olio, mi raccomando, con le mani.. niente mattarello! Lasciar lievitare ancora un’oretta, farcire a piacimento e infornare alla massima potenza del forno.
BUON APPETITO!!
Con questa ricetta vi saluto, questa sera parto e ritorno martedì! Vi auguro in anticipo un buon weekend e vi ringrazio per l’affetto che mi dimostrate.. Ieri infatti è mancato un soffio alle mie prime 100 visite giornaliere.. siamo arrivati a 99!!! Grazie, grazie dal profondo del cuore!!!! Bacioni!

mercoledì 22 settembre 2010

Patate Duchessa

Non so da quanto tempo questa ricetta era sulla mia lista “da provare”, e finalmente eccole qui! Mi hanno già conquistata e sicuramente entreranno a far parte delle mie preferenze, sono semplicissime e gustose, le vedo bene sia come contorno che come aperitivo. Ho preso d’esempio varie ricette qui sul web, e poi ho fatto le dosi a modo mio, diciamo che è una preparazione piuttosto flessibile ai gusti di ognuno. Quello che garantisco è che piaceranno a tutti, e se ne farete in abbondanza si possono congelare! Io le ho fatte piccole piccole, dei bocconcini golosissimi!

Patate Duchessa 007

INGREDIENTI:

650g patate (3-4 medie)  
1 uovo intero  
40g di burro  
20/30g formaggio grattugiato  
sale, noce moscata  
latte q.b.  

PREPARAZIONE:

Lavare, pelare e ridurre a cubetti le patate e cuocerle al microonde (oppure lessarle ma ci vuole molto più tempo) poi passarle nello schiacciapatate facendole cadere in una ciotola. Aggiungere il burro a cubetti e farlo assorbire, aiutandosi con un cucchiaio. Sbattere leggermente l’uovo e amalgamarlo, poi unire il sale, la noce moscata e il formaggio; bisogna ottenere un composto piuttosto sodo.. se dovesse esserlo troppo aggiungere poco latte, ma non deve essere un purè! Una volta che il composto si presenterà omogeneo inserirlo in una tasca da pasticcere con la bocchetta a stella e formare tanti ciuffetti su di una teglia ricoperta da carta forno.  Cuocere in forno già caldo a 200° per 10-15 minuti, a seconda di quanto sono grandi, devono diventare belle dorate. Servire caldissime!

BUON APPETITO!

domenica 19 settembre 2010

Il mio Ragù

Mi sono resa conto di non aver mai pubblicato il mio cavallo di battaglia!! Eh si, che c’è di più difficile che preparare un buon ragù? Scherzo ovviamente, ma ho ricevuto così tanti complimenti per questo sugo da ritrovarmi in imbarazzo.. insomma, non è niente di complicato.. ma ogni volta che lo preparo mi viene buonissimo, nonostante spesso e volentieri io aggiunga o tolga qualcosa.. Questa è la mia ricetta meglio riuscita al momento, e ve la propongo.. anche perchè… presto tornerà utile… Stay Tuned!!
La foto qui sotto ritrae in primo piano.. la mia manina e un trucchetto: ecco le mie erbe aromatiche legate, è una pura questione di praticità dato che non mi piace trovarmi le foglioline nel piatto; a fine cottura sarà facilissimo rimuoverle!
Tagliatelle ragù 003

INGREDIENTI:

250g macinato di manzo 5 foglie di basilico
250g macinato di maiale 5 foglie di alloro
800g passata di pomodoro 5 foglie di salvia
1/2 cipolla olio evo q.b.
1 rametto di rosmarino sale q.b.
PREPARAZIONE:

Affettare sottilmente la cipolla e versarla in un tegame in cui si sarà fatto scaldare poco olio; lasciar soffriggere qualche istante e aggiungere 2 tazzine di acqua, mettere il coperchio e lasciar stufare qualche minuto. Nel frattempo lavare le erbe aromatiche, io per praticità piego a metà il rametto di rosmarino, ci metto in mezzo tutte foglie (basilico, alloro e salvia) e poi lego il tutto, con un laccetto in silicone (o spago da cucina). A questo punto versare la carne macinata nel tegame e farla rosolare perfettamente, quindi si può aggiungere la passata di pomodoro e aggiustare di sale, eventualmente aggiungere ancora mezzo bicchiere d’acqua, mescolare e aggiungere le erbe aromatiche legate (se preferite, mettetele pure sciolte!) coprire ancora con il coperchio e regolare la fiamma al minimo, deve cuocere a lungo, io di norma lo lascio andare 1 ora e mezza, o anche 2, mescolando di tanto in tanto.
La dose è piuttosto abbondante, perchè io solitamente lo congelo, così ce l’ho sempre pronto all’uso! Avete notato che non ho sfumato con il vino la carne? So che molti lo fanno.. lo facevo anche io in realtà, ma rimaneva sempre un retrogusto leggermente acido, da quando ho scoperto che era proprio quella la causa non l’ho più messo. Non c’è nemmeno l’ombra del dado.. in primis perchè cerco di limitare al massimo l’uso di questi prodotti, e poi perchè davvero in sapore non se ne avverte la mancanza, insomma più genuino di così!!!

venerdì 17 settembre 2010

Il Blog Hop del venerdì


Ho appena scoperto questa carinissima iniziativa da Ylenia.. e mi è piaciuta al primo sguardo! Finalmente un modo rapido per scoprire nuovi blog e fare conoscere il nostro! Come funziona?? Niente di più semplice, ora vi spiego le “regole”:

- ognuno può iscrivere il proprio blog da qui: Click here to enter   (dovete semplicemente inserire il nome del vostro blog, e il link)

- si possono visitare quanti blog si vogliono tra quelli presenti nella lista, quando visitiamo un blog che ci piace possiamo diventare sostenitori;

- bisogna diventare nuovi sostenitori di almeno un blog tra quelli presenti in lista;

- quando diventiamo sostenitori di un blogger dobbiamo lasciare un commento nel suo blog dicendo che siamo passati in occasione del blog hop del venerdì;

- è obbligatorio ricambiare la visita, quindi se un blogger diventa nostro sostenitore grazie al blog hop del venerdì passiamo da lui e ricambiamo il favore, diventando suo sostenitore (questo è lo spirito di fondo del blog hop);

- facoltativo: il blog hop funziona se ci si iscrive in tanti, una garanzia di successo è pubblicare la lista sul proprio blog, per farlo occorre cliccare in alto su "click here to enter";

- se decidete di condividere la visita, aggiungete anche il banner dell'iniziativa (oppure fate un copia-incolla delle regole);

- la lista viene aggiornata automaticamente su tutti i blog in cui viene pubblicata, quindi è sufficiente iscriversi su uno qualsiasi dei blog che la pubblicano;
- ci si può iscrivere al blog hop del venerdì fino alla mezzanotte di oggi;
- una volta iscritti si ha tempo fino alla mezzanotte della domenica successiva (in questo caso domenica 12 settembre) per visitare gli altri blog e diventare eventualmente sostenitori.

lunedì 13 settembre 2010

Torta soffice allo Yogurt

Eccomi di nuovo qui, oggi compio i miei ultimi vent’anni e vi propongo un altro dolce.. Adoro le torte da credenza, adoro inondare la casa di dolci profumi, mettere in tavola ogni mattina qualcosa fatto con le mie mani per iniziare bene la giornata, la considero una coccola per me e un gesto d’amore nei confronti del mio fidanzato.. mi piace viziarlo! Fino ad ora non avete ancora visto pubblicata una torta super farcita, super cioccolatosa.. non sono infatti la mia passione, non riesco a mangiarne più di una fettina o due.. però conto di rimediare, in fondo ogni tanto si può anche esagerare no? Intanto vi propongo questa, che ho preso da GialloZafferano.. avevo un paio di vasetti di yogurt troppo vicini alla scadenza e allora ho chiesto a Google se per caso avesse qualche suggerimento: continuava a ripetermi di provare la 7 vasetti, ma io non ne ho voluto sapere.. non so perchè ma questa storia dell’olio con lo yogurt non mi convince.. Gli ho comunque promesso di provarci una volta o l’altra, quindi mi ha suggerito quest’altra versione, che mi ha conquistata all’istante!  

Torta Yogurt 002

 

INGREDIENTI (tra parentesi le mie modifiche):

250ml di yogurt bianco intero (io ho usato quello alla vaniglia)

120g di burro

200g farina 00

150g di maizena

125g di zucchero

4 uova intere + 2 tuorli

1 bustina di lievito x dolci

la buccia grattugiata di un limone (non l’avevo e ho messo qualche goccia di succo)

1 bustina di vanillina (io non l’ho messa)

1 pizzico di sale

PREPARAZIONE:

Nel boccale di un mixer mettere il burro a temperatura ambiente, metà dello zucchero e i tuorli, azionare fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo; unire poi lo yogurt e amalgamare bene. Versare il composto in una ciotola e aggiungere la scorza di limone grattugiata. Montare a neve ben ferma gli albumi con 1 pizzico di sale e sempre sbattendo aggiungere il restante zucchero. Unire delicatamente il composto di uova e yogurt agli albumi montati a neve mescolando dal basso verso l’alto per incorporare l’aria. Infine unire delicatamente la farina, la maizena, il lievito e la vanillina setacciati. Imburrare e infarinare uno stampo da 22 cm (io ne ho usato uno da 24) versarci il composto e livellare bene la superficie; infornare a forno già caldo a 180° per circa 40 minuti (il mio forno ha richiesto invece 55 minuti, fate la prova stecchino!).  Una volta cotta la torta, sfornate e fatela raffreddare su una gratella. Se volete servitela cosparsa di zucchero a velo.

Buon appetito!

giovedì 9 settembre 2010

Pomodori e uova

Non so se questo piatto abbia un nome specifico… io l’ho sempre chiamato così! Non conosco nemmeno le sue origini, dev’essere parente della più famosa  Pappa al pomodoro, quello che so è che mi piace da impazzire! Per la serie “ricette contadine” una ricetta che più semplice non si può.. ma dal risultato garantito! Magari la conoscete già.. o magari per qualcuno sarà la classica “scoperta dell’acqua calda”.. ma siamo qui per questo no? Prima di aprire il mio blog, cercavo in rete spunti, idee, consigli.. non sono qui per farmi bella di chissà quali spettacolari e complicatissime ricette riesca a fare, ma per dare delle risposte a chi usa internet per sapere, imparare.. e non perchè io sia più brava, esperta o abbia manie di protagonismo. Questo mi preme precisarlo.. e con piacere leggo le keywords  di chi davvero pone delle domande a Re Google e poi si ferma da me! Grazie!
Pomodori e uova 009
Purtroppo non posso darvi le dosi esatte.. qui si va ad occhio! Io vi passo la ricetta più semplice, nulla vi vieta di aggiungergli dei profumi e anche l’aglio.. a noi piace così, il sapore del pomodoro è esaltato al massimo.
INGREDIENTI:
Pomodori maturi e sodi (in alternativa anche un passata di pomodoro rustica può andare)
Cipolla
Uova
Olio, sale, pepe e un pizzico di zucchero
PREPARAZIONE:
Sbollentare i pomodori per pochi secondi, pelarli e tagliarli in quarti; eliminare i semi e frullare la polpa. In un tegame preparare un soffritto con olio e cipolla; appena imbiondita aggiungere i pomodori (o la passata), salare, pepare e zuccherare appena, lasciar cuocere a lungo coperto e a fuoco dolce (dipende dalla quantità di pomodori, devono trasformarsi in un bel sughetto denso). A questo punto in una ciotola sbattere le uova (calcolatene 1 a testa) con un pizzico di sale e versarle direttamente nella padella del pomodoro, sempre a fiamma dolce mi raccomando, rimestando continuamente finchè l’uovo comincerà a rapprendersi, quindi spegnere immediatamente la fiamma, mescolare bene e servire subito con abbondante pane a portata di mano (fresco o tostato è comunque sempre troppo poco!)
Buon appetito!!!
Con questa ricetta partecipo al contest di Mara, IL RE DELL'ESTATE
Il Re dell\

e alla raccolta di Federica UN UOVO PER AMICO

banner_uovo2

mercoledì 1 settembre 2010

Cake mirtilli e cioccolato bianco

Ciao a tutti, in questo periodo non sto proprio cucinando.. un po’ per pigrizia, un po’ perchè c’è chi cucina anche per me! Ve ne siete accorti eh?? ^__^ Per fortuna ho ancora una ricetta in archivio, e quindi ne approfitto come tappabuchi.. In realtà non avrei voluto pubblicarla.. è un mezzo fallimento, dovrei inaugurare la categoria “Riprovaci, sarai più fortunata”.. ma a chi non capita qualche flop??                                                          Dunque, la storia di questa cake fa un pò ridere…Ho scovato una ricetta di muffin ai mirtilli sul sito di un formaggio spalmabile… Mi sono detta: ok proviamoci!  Peccato che man mano che tiravo fuori gli ingredienti necessari perdevo fiducia in ciò che stavo facendo.. insomma non mi quadravano le dosi… quindi ho pensato di stravolgere la ricetta, cambiandone anche la forma.. ed ecco qui un cake di formaggio e mirtilli, a cui ho aggiunto del cioccolato bianco.  In definitiva, non era eccezionale.. ma ce la siamo mangiata comunque.. se avete idee o suggerimenti per migliorarla.. sono ben accetti!

Cake mirtilli e cioccolato bianco 001

INGREDIENTI:

200g farina

100g formaggio spalmabile

70g zucchero

50g cioccolato bianco

150ml latte circa

1 uovo

1/2 bustina di lievito

1 pizzico di sale

100g mirtilli

PREPARAZIONE:

Lavorare con una forchetta il formaggio con lo zucchero, unire l’uovo e cominciare ad aggiungere poca per volta la farina setacciata con il lievito e il sale, alternandola con il latte.

In un mixer sbriciolare il cioccolato e unirlo all’impasto, amalgamare e infine incorporare i mirtilli.

Imburrare e infarinare uno stampo (io ho usato quello da plum-cake) e infornare a 200° per 30-35 minuti (fare comunque la prova stecchino), lasciando poi raffreddare la cake nel forno semiaperto.

Stavolta.. non vi dico nemmeno buon appetito!! ^__^

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails