Pagine

giovedì 26 agosto 2010

Pizza con 3 lievitazioni

Ho fatto un altro esperimento.. siccome girando per il web ho scoperto che 1 kg di farina può lievitare con 1 grammo di lievito (!!) ho voluto sperimentare. Ho cercato delle ricette “preconfezionate” ma richiedevano 24 ore di lievitazione, e io ne avevo meno di 20.. allora, come mio solito, ho lasciato perdere e ho fatto di testa mia!! Ormai lo saprete, io pasticcio e impasto spesso la sera dopo cena, se mi viene il pallino all’improvviso anche alle 22.. le 23… stavolta ho veramente esagerato: cominciavo a pesare la farina alle 00:30!! Si, sono pazza.. ma quando mi viene voglia di fare qualcosa non posso resistere, e più tempo aspettavo e meno tempo avrebbe riposato!! ^__^
Vi scrivo la ricetta in un modo un po’ diverso dal solito, e cioè cercherò di spiegarvi i vari passaggi nel modo più chiaro possibile, ma vi avverto: non c’è nulla di scientifico nè studiato, e il mio modo di impastare non ho la minima idea se sia giusto o sbagliato, ma io che amo definirmi “sensoriale” e istintiva lavoro così come l’impasto mi richiede, poi c’è qualche ricordo di cose lette in giro… insomma, leggete e capirete cosa intendo!
Pizza 2 008
INGREDIENTI:
400g di farina 0
100 di manitoba
2 cucchiaini da caffè di lievito secco
1 cucchiaino di zucchero
350 ml di acqua (circa)
4 cucchiai di olio
3 cucchiaini di sale
LA MIA PREPARAZIONE:
Siccome non riuscivo a pesare 1 gr di lievito (bilancia non abbastanza sensibile) ho deciso di andare a caso, e ne ho presi 2 cucchiaini, piuttosto scarsi. Ho mischiato 2 farine perchè del tipo “0” non ne avevo abbastanza, non per ragioni scientifiche..
Ho fatto la fontana con le farine in una ciotola, ho messo al centro il lievito, 1 cucchiaino di zucchero e ho iniziato a versarci un goccino di acqua tiepida, all’inizio lavoro sempre con una forchetta, aggiungendo poca acqua alla volta, in questo caso (non so se fosse a causa dell’orario) ho lavorato con estrema lentezza e delicatezza; quando la massa ha cominciato a diventare consistente ho iniziato a lavorare a mano, sempre nella ciotola. Quando ormai quasi tutta la farina era diventata massa ho sciolto il sale in poca acqua e l’ho versata. Ho traferito tutto sulla spianatoia e ho continuato ad impastare, lentamente. Mi ero intestardita a volergli far prendere tutta l’acqua (io avevo preparato 400ml) quindi stendevo la pasta “aprendola” cioè cercando di stenderla, allungarla e versavo un pochino di acqua al centro e con la mano la spalmavo sulla superficie, poi arrotolavo a salame e poi ancora, come per formare una chiocciola. Ho ripetuto parecchie volte questa operazione, alternando acqua e olio (ne avrò usati 4 cucchiai circa) e ho avanzato più o meno 50ml di acqua. Ho impastato a lungo, la massa era molto morbida, un piacere! Alla fine ho formato una palla e l’ho messa in una ciotola coperta con pellicola e l’ho messa in frigorifero alle 01:20. (si, di notte)
     
Ore 10.55: ho tirato fuori dal frigo e ho lasciato a temperatura ambiente fino alle 12:00 (9 ore e 30), quindi ho impastato velocemente, poi ho di nuovo messo nella ciotola coperta con la pellicola e l’ho lasciata a temperatura ambiente fino alle 16:20. A questo punto ho nuovamente impastato alla veloce, giusto per sgonfiare e ho diviso in 2 parti uguali, e ho rimesso a riposare in 2 ciotole (sempre coperte).
                                                      
Alle 19:00 ho steso le 2 pizze, e allargandole con le mani sulla teglia unta, ho lasciato riposare 20 minuti, le ho farcite, e finalmente alle 19:40 le ho infornate!!!
      
Devo dire che non si sentiva proprio il retrogusto del lievito, io di solito per 500g di farina mettevo un cubetto intero!! Penso che d’ora in poi cercherò di fare sempre in questo modo, magari riducendo un pochino l’olio perchè è risultata leggermente biscottata, ma sapete, andando completamente a caso non è semplice indovinare le quantità! A conti fatti ci sono volute 18 ore e mezza, ma io un impasto così non lo avevo mai visto!! Veramente piacevole anche da maneggiare!
E voi?? L’avete mai fatta così la pizza?? Raccontatemi, e suggeritemi se siete più esperti di me!!

14 commenti:

  1. ahhhhhhh.............pizzaaaaaaaaaa...........
    peccato che non si possono mettere foto nei commenti se no avevo un'immagine perfetta...hai presente quella di homer simpson che sbavucchia quando vede le ciambelle? beh a me fa lo stesso effetto con la pizza!

    RispondiElimina
  2. Ahhahaha si ho presente... perchè la vedo molto spesso su di me quell'espressione!! Anche io ADORO la pizza, la potrei mangiare tranquillamente ogni giorno!! ^__^

    RispondiElimina
  3. Wow! Che pazienza, chissà se un giorno proverò una cosa simile... Ottima immagino! Ti ho mandato un sos su alf :D

    RispondiElimina
  4. Cara Yaya, questa soluzione è perfetta anche per chi non ama ingerire quantità di lievito...
    (io per esempio) però bisogna essere organizzati.
    Io spesso ho fretta, soprattutto quando decido di fare la pizza!. Il tuo metodo è sicuramente migliore.
    Una volta magari mi ci metto.
    Comunque si vede che è un bell'impasto.
    Complimenti, anche per la pazienza....
    Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  5. eh, lo so.. ci vuole un sacco di tempo... infatti non lo so quando riuscirò a replicare.. anche io spesso ci penso all'ultimo momento.. ma se si riesce a programmare questo metodo è sicuramente valido!
    Adesso ho in programma un'altra versione.. Stay tuned!!

    RispondiElimina
  6. bravissima bella idea anche per ridurre il lievito...anche per me sarebbe ideale...ma dovrai spedirmela a casa bellezza, io non ho tutta la tua pazienza !!!!

    RispondiElimina
  7. Ahaha certo, te la mando in posta prioritaria!! ^__^

    RispondiElimina
  8. questa è una lavorazione molto particolare che mi intriga parecchio e visto il risultato direi anche riuscitissima!!bacioni imma

    RispondiElimina
  9. une méthode qui me séduit beaucoup
    le résultat est plus que satisfaisant, j'aime beaucoup
    bonne soirée

    RispondiElimina
  10. Bellissimo risultato ma ho paura di non avere la tua pazienza! Mi associo a Istinto, se me la mandi anche a me per posta molto volentieri! Aspetto comunque di vedere l'altra versione, e dimenticavo: complimenti, una pizza superba:)

    RispondiElimina
  11. Ma ciaoooo!!!! ^^
    Eccomi di ritono con un minutino di tempo per leggere (era ora xD) il tuo blog,
    ma quente ricettine nuove!!!
    che bello!
    Sai sei come me.. ti viene l'ispirazione di notte xD non sei l'unica.. una volta possiamo organizzare un pigiama-cucinaispirazioni-party xD
    complimenti per la tua pizza... io non amo l'odore del lievito di birra nell'impasto.. quindi.. credo che un giorno (quando avrò così tanta voglia e pazienza come te) ci proverò..
    A presto ^^

    RispondiElimina
  12. @Mariacristina, appena spedisco il pacco ti faccio sapere! ^__^

    @Erica, ciao!!! Meno male, mi consola sapere che non sono l'unica folle nottambula!!!

    RispondiElimina
  13. Potrei vivere di pizza! l'adoro!!
    Pure io la faccio con pochissimo lievito....altrimenti mi rimane pesante e non la digerisco!

    dev'essere libidinosissima , complimenti!

    RispondiElimina
  14. grande Yaya benvenuta nel mondo della pizza, da buon napoletano ti posso assicurare che una pizza con pochissimo lievito è meno acida e più digeribile, bisogna soltanto avere tempo e voglia di aspettare che il capolavoro della natura si compia.
    Devo ammettere di non fare molto spesso la pizza così, un po' di lievito l'ho metto per accelerare, perchè spesso vado di istinto, la sera torno a casa e vai con la pizza, quindi poche ore, cmq complimenti molto ben riuscita.

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails