Pagine

martedì 18 maggio 2010

Panini integrali con semi di Zucca

Era da un pò che pensavo di fare il pane... ma ultimamente ho sfornato "solo" pizze e focacce, e avevo un pò accantonato il progetto, eccezion fatta per i panini dolci..
Ieri mia suocera mi ha dato un pacchetto di farina integrale vicina alla scadenza, e siccome lei non aveva in progetto di panificare.. ne ho approfittato io!
Sono tornata a casa e mi sono messa a cercare la ricetta per il pane integrale.
Devo dire che non è stato facile (o forse non ho cercato bene chi lo sa) fatto sta che nessuna delle ricette che ho letto mi ha entusiasmata.
Ultimamente succede così, mi viene un'idea, comincio a spulciare mille ricette, ma non mi soddisfano, sembra che nessuna sia quella che vorrei fare..
Allora come si fa?
Si inventa... non di sana pianta perchè non sono in grado, ma prendendo spunto un pò di qua e un pò di là... qualcosa esce sempre!
Nel caso specifico questi panini ho voluto farli con i semi di zucca, perchè tempo fa ricordo di averli assaggiati e mi erano piaciuti tantissimo.. peccato che non li ho mai più trovati al mio supermercato..
per dispetto me li sono fatti da sola, e il risultato è buono direi!




Era da un pò che pensavo di fare il pane... ma ultimamente ho sfornato "solo" pizze e focacce, e avevo un pò accantonato il progetto, eccezion fatta per i panini dolci..
Ieri mia suocera mi ha dato un pacchetto di farina integrale vicina alla scadenza, e siccome lei non aveva in progetto di panificare.. ne ho approfittato io!


INGREDIENTI:
250gr farina 0
250gr farina integrale
250ml acqua + mezzo bicchiere per il lievito
2 cucchiaini di zucchero
1 cucchiaio di olio evo
10gr sale
25 gr lievito di birra fresco
35gr di semi di zucca

Procedimento:
Per prima cosa sbriciolare il lievito nel mezzo bicchiere d’acqua appena tiepida, mescolare per farlo sciogliere e lasciar riposare 10 minuti.
Intanto in una ciotola miscelare le 2 farine, fare la fontana e nel centro versare il composto di acqua e lievito e con l’aiuto di una forchetta cominciare ad impastare versando la restante acqua poca poca per volta, sempre mescolando.
Consumata l’acqua incorporare l’olio ed il sale.
Trasferire il panetto sulla spianatoia ed impastare energicamente per 10-15 minuti aiutandosi con un po’ di farina, questa operazione è molto importante per la buona riuscita del pane, bisogna letteralmente maltrattare l’impasto, sbattendolo più volte, prendendolo “a pugni”, tirandolo e appallottolandolo.
L’impasto è un po’ appiccicoso, quindi non bisogna esagerare con la farina altrimenti si rischia di farlo indurire troppo.
Bene, alla fine formiamo una palla, che risulterà liscia ed elastica, incidiamo con la punta del coltello una croce sulla sommità e mettiamola a riposare per un’ora in una ciotola pulita ed appena unta d’olio (per non farla attaccare) coperta da un canovaccio nel forno chiuso, con la sola luce di cortesia accesa.

E’ il momento di incorporare i semi di zucca, quindi tiriamo fuori l’impasto semplicemente rovesciando “a testa in giù” la ciotola, la forza di gravità e qualche scossone faranno cadere la pasta, stenderla leggermente e versiamo al centro i semi, rimpastiamo per qualche minuto per amalgamarli uniformemente, è più facile dividendo l’impasto in 2 parti.


Formiamo un filone e dividiamo in tanti pezzi uguali, la bilancia aiuta molto, (i miei sono di 60gr l’uno) che andranno modellati secondo la forma preferita, io ho fatto delle palline.
Rivestiamo la teglia con carta da forno, posizioniamo le palline non troppo vicine tra loro (volendo si può di nuovo incidere la croce) e rimettiamo in forno (sempre spento!) a lievitare un’altra ora.
Se a lievitazione ultimata alcuni panini si fossero uniti, non tentare di staccarli come ho fatto io, perchè finisce che si sgonfiano e si rovina la forma.. meglio lasciarli così, tanto una volta cotti si separano facilmente.
L’ultima operazione è quella di spennellare i panini con del latte o con un uovo sbattuto e infornare a 220° per 20-25 minuti, una volta cotti trasferirli su una gratella per farli raffreddare perfettamente e permettere all’aria di circolare.






Nessun commento:

Posta un commento

Dimmi cosa ne pensi...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails